logo-mini

Alla scoperta della Costa degli Etruschi, sulla Strada del Vino e dell’Olio

SOMMARIO

Da Bolgheri, antico borgo medievale immerso nei vigneti dai quali si ricava uno dei vini DOC più pregiati e costosi d’Italia, il Bolgheri Sassicaia, a Suvereto, rinomato centro di produzione di olio extra vergine d’oliva. La costa livornese, nel cuore della Maremma Settentrionale è un mix di cultura e antiche tradizioni culinarie. Ecco come scoprirle con un itinerario enogastronomico che si spinge fin quasi al confine con Grosseto. Con i consigli di viaggio di OFTravel

Banner 300x250

Offerte Speciali
Amazon per Oftravel









Alla scoperta della Costa degli Etruschi, sulla Strada del Vino e dell’Olio

La Toscana è nota in tutto il mondo, non solo per il suo paesaggio dominato da filari di vitigni e uliveti, intervallati da borghi medievali perfettamente conservati, ma anche per la sua ricca tradizione enogastronomica. Per chi è alla ricerca di un weekend di riposo alla scoperta dei sapori toscani più autentici, vale la pena organizzare un itinerario nel cuore della Maremma Settentrionale. Qui, tra le tante strade del vino che popolano e rappresentano la regione, sulla costa livornese nota come Costa degli Etruschi ha origine La Strada del Vino e dell’Olio Costa degli Etruschi, vincitrice per il 2016 del premio Touring dei Consoli di Toscana. Ecco come vivere al meglio la regione, dove mangiare, e quali cantine visitare, con le indicazioni di viaggio di OF Travel.

Bolgheri


Il punto di partenza per scoprire le bellezze del luogo, e assaggiare i sapori tipici della zona, può essere il piccolo comune Bolgheri, frazione di Castagneto Carducci e tanto caro al poeta Giosuè Carducci che proprio all’oratorio settecentesco di San Guido e al Viale dei Cipressi, lungo quasi cinque chilometri, che da qui si diparte fino a raggiungere il castello medievale della cittadina dedicò una delle sue poesie più celebri (“Davanti a San Guido”). Ma oltre alla storia, Bolgheri è anche un rinomato centro di produzione vinicola: le particolari caratteristiche del terreno, infatti, hanno portato alla nascita di uno dei vini DOC più pregiati e costosi d’Italia, il Bolgheri Sassicaia, realizzato con almeno l'80% di Cabernet Sauvignon. Questo vino rosso viene ancora oggi preparato esclusivamente dall'azienda Tenuta San Guido, che sorge proprio nei pressi dell’omonimo oratorio, e che possiede tutti i vigneti all'interno dell'area delimitata.

Oltre alla tenuta, non visitabile, a Bolgheri sorgono circa 40 aziende vinicole, molte delle quali prevedono tour e degustazioni enogastronomiche. La Tenuta di Vaira, che occupa un lembo di terra di circa 15 ettari e sorge esattamente sulla strada del vino "Bolgherese”, per esempio, permette di prenotare visite guidate dei vigneti e della cantina dove sono custodite, tra le altre, le bottiglie di Bolgherese Rosso Superiore DOC. Mentre, al termine della visita è prevista la degustazione di prodotti locali tipici nella sala apposita o nell’area attrezzata in giardino.

Anche la cucina di pesce fa parte della tradizione enogastronomica toscana. Per chi si trovasse in zona, con 11 minuti di auto da Bolgheri si giunge al ristorante stellato La Pineta, dello chef Luciano Zazzeri. Si trova quasi in spiaggia, a Marina di Bibbona, ed è un raffinato ristorante di pesce, dove assaggiare i tipici piatti di mare toscani insieme a qualche proposta più creativa, sempre a base di pesce fresco, accompagnati da una vasta selezione di vini DOC della zona.

Qualora si desiderasse pernottare in zona, invece, si può optare per il 4 stelle Park Hotel Marinetta, affacciato proprio sulla spiaggia di Marina di Bibbona e immerso in un parco mediterraneo di 3 ettari. L’hotel include un centro benessere, piscine coperte e all'aperto, 2 ristoranti a bordo piscina, una palestra e una spiaggia privata, e richiede una spesa di 206 euro a notte per una camera matrimoniale.

Castagneto Carducci


Spostandosi lungo la costa verso sud si giunge poi a Castegnato Carducci, il centro più importante della zona e particolarmente rinomato per la sua storia. Il nome, infatti, è un omaggio al celebre poeta che qui vi abitò per alcuni anni da bambino. Il centro storico, che conserva la sua antica struttura urbanistica originale, è popolato da numerose botteghe artigianali ed enoteche dove degustare il buon vino della zona o assaggiare l’olio extravergine qui prodotto, accompagnato da una degustazione di salumi nostrani. Così, per esempio, passeggiando nella via che scende ai piedi del vecchio municipio si può scegliere di fermarsi da Il Borgo per degustare una vasta selezione di vini della zona accompagnati da salumi, crostini di polenta e cacciagione, pasta fatta in casa e selvaggina.

Mentre, per cena, vale una tappa il Ristorante Mercato del Borgo posto all’interno del Casone Ugolino: un’antica fattoria destinata alla coltivazione del tabacco e alla sua essiccazione risalente al 1500 e appartenuta alla famiglia Della Gherardesca, famiglia toscana con origini nobiliari. Qui è possibile assaggiare i piatti tipici della tradizione cucinati con materie prime provenienti esclusivamente da fornitori del territorio.

Chi si trovasse nelle vicinanze, poi, può far tappa a Marina di Castagneto Carducci, frazione di Castagneto Carducci in riva al mare. Il paese è immerso in una pineta, costruita a seguito delle bonifiche promosse dal granduca di Toscana a protezione della campagna retrostante, e si caratterizza per il fortilizio settecentesco utilizzato per pattugliamento della costa. Qui, si può soggiornare presso il Tombolo Talasso Resort. Sorto sulla proprietà di una ex colonia, l’hotel a 5 stelle ha una spiaggia privata e un centro rinomato per la talassoterapia. Ad un prezzo minimo a notte, per la camera matrimoniale, di 302 euro.

Suvereto


Proseguendo verso sud, e avvicinandosi al confine con la provincia di Grosseto, in circa 35 minuti di auto si giunge a Suvereto, uno dei comuni più antichi della fascia tirrenica toscana, inserito tra i Borghi più belli d’Italia e rinomato per la produzione di olio extravergine. Il clima particolarmente favorevole delle colline che circondano le bellezze medioevali del piccolo comune rendono la zona, infatti, una delle migliori per la produzione di un olio dal sapore fruttato. Non solo: il comune della Val di Cornia è anche sede di importanti aziende vinicole specializzate nella produzione del DOC Val di Cornia Suvereto, mentre tra i prodotti tipici coltivati vi sono il carciofo violetto e gli spinaci.
Per un assaggio dei prodotti locali, quindi, si può prenotare una degustazione presso l’azienda agricola Bulichella, con una superficie di 42 ettari, 10 di quali destinati unicamente all’uliveto che conta circa 1600 piante. L’azienda, che è anche agriturismo, è specializzata nella produzione di olio extra vergine certificato ICEA, uno dei principali organi di controllo biologico in Italia. E permette di assaggiare, durante la visita guidata, 5/6 vini dell’azienda accompagnati da pane e olio e, su richiesta, anche taglieri con salumi e formaggi locali.

Oltre alle cantine specializzate nella produzione del tipico olio toscano, poi, la zona ben si presta come punto di partenza per esplorare le bellezze circostanti. Bastano 20 minuti, infatti, per raggiungere Baratti, unica città etrusca situata sul mare e Populonia, piccolo paese a cinque chilometri dalla costa situato su un alto promontorio. Entrambe queste località sono rinomate per la presenza di un Parco Archeologico che si estende per 80 ettari: una sorta di museo a cielo aperto della civiltà etrusca, dove visitare le Necropoli delle Grotte, costituite da tombe a camere scavate nella roccia.

Volendo fare tappa per una notte in zona si può optare per il relais Poggio ai Santi che offre suites e stanze deluxe all’interno di un parco botanico di 3 ettari e immerso in 40 ettari di terreno privato. L’hotel, che dista 4 chilometri dalla spiaggia di San Vincenzo e 8 chilometri circa da Suvereto, richiede una spesa di circa 198 euro a coppia per notte.

© OF Osservatorio Finanziario - riproduzione riservata

StrumentiFoto, Video,
Cartine, Street View

La Cartina interattiva. I Video. Le Foto. La Street View, per essere già lì, nei luoghi e per gli Eventi in cui si parla nell'articolo.

Cartina

Foto/ Video

Street View